seguici anche su

Nuovi modi di

Vedere.

Tu sei qui

TRATTAMENTO PER LA LUCE BLU

01 Giugno 2016

Danni da luce si riscontrano sia nell’occhio umano sia negli occhi degli 

animali. In determinate condizioni, la luce può avere un effetto dannoso su
praticamente tutti i tessuti importanti dell’occhio.
La luce che raggiunge i nostri occhi viene emessa da sorgenti luminose
naturali  (sole, stelle)  e artificiali (costruite dall’ uomo).
 Viene percepita come tale dall’occhio umano solo nell’intervallo di
 lunghezza d’onda compreso tra 400 (violetto) e 760 (rosso) nanometri.(nm)
Tuttavia l’uomo viene ad essere esposto a radiazioni luminose di lunghezza
d’onda superiore ed inferiore che non vengono percepite come sensazione
luminosa ma che esercitano ugualmente i loro effetti sull’occhio
I raggi ultravioletti di lunghezza d’onda inferiore a 400 nm vengono di
solito assorbiti dalle prime strutture dell’occhio: cornea e cristallino.
L’infrarosso agisce soprattutto a livello della retina.
Gli effetti lesivi delle radiazioni luminose dipendono dalla lunghezza d’onda,
dall’ intensità e dal tempo di esposizione.
I danni provocati agli occhi dalla luce blu
(caratterizzata da una lunghezza d’onda che si colloca nei pressi dell’UV e,
comunque, nel campo del visibile, in grado di provocare un danno agli occhi non
diretto causato dal progressivo rilascio di radicali liberi),
dai raggi UV e, in base ai dati raccolti da una recente ricerca del Cnr,
dalla luce riflessa dalla sabbia (e dalla neve).
Nasce cosi il Trattamento  XILOR® REFLEX®  ,studiato per riflettere la luce blue nociva
ai nostri occhi.